EMERGENZA CORONAVIRUS

PROROGA SOSPENSIONE RATE MORATORIE IN ESSERE A FAVORE DELLE PMI

il Decreto “Sostegni Bis” del 20/05/2021  proroga ulteriormente dal 30/06/2021 al 31/12/2021 la moratoria straordinaria dei finanziamenti introdotta dall’art. 56 del Decreto-Legge 17 marzo 2020, n. 18 (DL Cura Italia).

A differenza dei precedenti interventi governativi, questa ulteriore proroga riguarda la sola quota capitale e verrà concessa solo su esplicita richiesta da far pervenire entro il 15/06/2021

A tal riguardo, si è provveduto a inviare comunicazione a tutti i clienti già oggetto di moratoria per informare della proroga, per tutte le PMI che non invieranno comunicazione di adesione alla proroga, si provvederà quindi a terminare il periodo di moratoria il 30/06/2021.

TERMINI DI RICHIESTA DI PROROGA SOSPENSIONE RATE

Chi fosse interessato ad usufruire di questa agevolazione, dovrà provvedere a trasmettere entro il 15/06/2021 formale richiesta di proroga a mezzo mail o PEC all’indirizzo moratoria.bpl@legalmail.it specificando il numero identificativo dei contratti per i quali si intende usufruire della proroga della moratoria e compilare il questionario al seguente link.

In mancanza di esplicita richiesta, la moratoria in essere terminerà il 30/06/2021 e come a suo tempo concordato, l’addebito delle rate riprenderà da luglio; mentre per i contratti per i quali sarà richiesta l’ulteriore proroga la data di scadenza del finanziamento slitterà di ulteriori 6 mesi.

ACCORDO PER IL CREDITO ABI

Banca Privata Leasing, aderendo all’Accordo per il Credito ABI, è pronta a valutare la concessione di moratoria per la sospensione delle rate leasing / finanziamenti in essere a seguito dell’emergenza Coronavirus, in alternativa alla Moratoria “Cura Italia” o in quanto non rientranti nel perimetro della stessa.

Le principali caratteristiche della moratoria ai sensi dell’Accordo per il Credito ABI sono le seguenti:

  • Soggetti beneficiari: PMI e Grandi Imprese (quest’ultime dovranno autocertificare di essere state danneggiate dall’emergenza Covid-19)
  • Durata moratoria: fino ad un massimo di 9 mesi, comprensivi degli eventuali periodi di sospensione già accordati nello stesso finanziamento.
  • Caratteristiche: sospensione della sola quota capitale, gli interessi riferiti ai singoli canoni dovranno essere corrisposti alle scadenze già previste nel piano di ammortamento

Le aziende che intendessero presentare entro il 31/03/2021 domanda di moratoria ai sensi dell’Accordo per il Credito ABI dovranno inviare richiesta tramite PEC all’indirizzo moratoria.bpl@legalmail.it specificando che intendono avvalersi di questo specifico strumento.

Per ogni informazione o chiarimento ci scriva via mail all’indirizzo backoffice@bancaprivataleasing.it, indicando un recapito telefonico per essere ricontattato.

Finanziamenti bancari fino a 30.000 euro garantiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese 

D.L. 23/2020 così come modificato dalla Legge 178/2020

Finanziamenti fino a 30.000 euro con garanzia del Fondo di Garanzia del 100%

È disponibile il modulo per la richiesta di garanzia fino a 30.000 euro che il beneficiario deve compilare e inviare tramite e-mail a reggioemilia@bancaprivataleasing.it, via PEC a comunicazioni-bprileas@legalmail.it, o tramite il sito internet cliccando sul bottone indicato di seguito.

Per il dettaglio delle condizioni applicate scarica il Foglio Informativo del mutuo chirografario imprese.

 

A chi si rivolge

Artigiani, commercianti, professionisti, ditte individuali e PMI*.

Importo massimo finanziabile

Non superiore al 25% dei ricavi dell’ultimo bilancio o dichiarazione fiscale presentata e comunque non superiore a 30.000 euro.

Durata massima

180 mesi comprensivi di 24 mesi di preammortamento.

Compilazione del modulo e documentazione necessaria

  • Allegato 4-bis, compilato in ogni sua parte e sottoscritto dal richiedente l’affidamento;
  • Copia documento di identità in corso di validità del richiedente il finanziamento;
  • Unico 2019 e unico 2020 (in caso di ditta individuale o società di persone);
  • Ultimo bilancio depositato (in caso di società di capitali);
  • Visura camerale con dati aggiornati;
  • Bilancio al 31/12/2019 e situazione contabile provvisoria 2020.

Scarica il modulo Allegato 4-bis

 

Le regole della garanzia

La garanzia è concessa anche in favore di beneficiari finali che presentano, alla data della richiesta di garanzia, esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate”, purché la predetta classificazione non sia precedente alla data del 31 gennaio 2020.

  • Sono escluse le imprese che presentano esposizioni classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria.
  • L’erogazione del finanziamento è subordinata alle decisioni finali dell’istituto di credito prescelto.

 

 

Si fornisce uno schema esemplificativo di come accedere ai finanziamenti bancari per la liquidità fino a 30.000 euro.

 

* PMI – imprese con meno di 250 dipendenti, il cui fatturato annuo non superi i 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro

Finanziamenti bancari oltre 30.000 euro garantiti dal Fondo di Garanzia per le Piccole e Medie Imprese 

D.L. 23/2020 così come modificato dalla Legge 178/2020

Finanziamenti oltre 30.000 euro con garanzia del Fondo di Garanzia fino ad un massimo del 90%

La richiesta va inviata via mail a reggioemilia@bancaprivataleasing.it, via PEC a comunicazioni-bprileas@legalmail.it o tramite il sito internet cliccando sul bottone indicato di seguito.

Per il dettaglio delle condizioni applicate scarica il Foglio Informativo del mutuo chirografario imprese.

A chi si rivolge

Artigiani, commercianti, professionisti, ditte individuali, PMI*.

(per le imprese con un numero di dipendenti uguale o superiore a 250 ed inferiore a 500 le garanzie sono concesse fino al 28 febbraio 2021).

Importo massimo finanziabile

Non superiore al 25% dei ricavi del 2019 oppure pari al doppio della spesa salariale annua (D.L. 23/20 Art.13).

Durata massima

72 mesi.

Documentazione necessaria

  • Copia documento di identità in corso di validità del richiedente il finanziamento;
  • Unico 2019 e 2020 (in caso di ditta individuale o società di persone);
  • Ultimo bilancio depositato (in caso di società di capitali);
  • Visura camerale con dati aggiornati;
  • Bilancio al 31/12/2019 e situazione contabile provvisoria 2020.

 

Le regole della garanzia

La garanzia è concessa anche in favore di beneficiari finali che presentano, alla data della richiesta di garanzia, esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come “inadempienze probabili” o “scadute o sconfinanti deteriorate”, purché la predetta classificazione non sia precedente alla data del 31 gennaio 2020.

  • Sono escluse le imprese che presentano esposizioni classificate come “sofferenze” ai sensi della disciplina bancaria.
  • L’erogazione del finanziamento è subordinata alle decisioni finali dell’istituto di credito prescelto.

 

 

* PMI – imprese con meno di 250 dipendenti, il cui fatturato annuo non superi i 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio annuo non superiore ai 43 milioni di euro

Invitiamo inoltre a consultare la pagina di Domande e Risposte sulle misure economiche COVID-19 predisposta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e sulla Centrale dei Rischi predisposta da Banca d’Italia.

SOSPENSIONE DI CONTRATTI DI MUTUO E DI LOCAZIONE FINANZIARIA IMMOBILIARE NEI TERRITORI DELLE PROVINCE DI MODENA, BOLOGNA, FERRARA E REGGIO EMILIA IN CONSEGUENZA DEGLI EVENTI METEOROLOGICI VERIFICATISI NEI GIORNI DAL 1 AL 10 DICEMBRE 2020.

A seguito dell’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n.732 del 31/12/2020 pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 08/01/2021, si informa la clientela che, come specificato dall’art. 9, i soggetti titolari di mutui o operazioni di locazione finanziaria immobiliare relative agli edifici sgomberati o inagibili, ovvero alla gestione di attività di natura commerciale ed economica, anche agricola, svolte nei medesimi edifici, hanno diritto di chiedere agli istituti di credito e bancari, una sospensione delle rate dei medesimi contratti, optando, tra la sospensione dell’intera rata e quella della sola quota capitale, senza oneri aggiuntivi per la clientela.

Tale sospensione sarà attuata fino all’agibilità o all’abitabilità del predetto immobile e comunque non oltre la data di cessazione dello stato di emergenza.

Sarà possibile richiedere tale sospensione inviando una PEC all’indirizzo comunicazioni-bprileas@legalmail.it, allegando autocertificazione del danno subito e idonea documentazione che attesti l’avvenuta inagibilità dei locali.